Guida di Maiorca

Maiorca è l’isola più grande della regione autonoma delle isole Baleari. Si trova di fronte alla costa nord-est della penisola iberica, a 120 miglia nautiche di distanza, tra Minorca e Ibiza. Maiorca ha una larghezza massima di 96 km ed è lunga 78 Km. Ha una superficie totale di 3.640 km², con 554 km di costa.

Maiorca è l’isola più popolata dell’arcipelago, con quasi 1 milione di abitanti, e la seconda isola più popolata della Spagna. La sua capitale è Palma di Maiorca, con poco più di mezzo milione di abitanti. I due comuni più grandi ed importanti, dopo la capitale, sono Calvià e Manacor.

L’isola di Cabrera e tutti gli altri isolotti dell’arcipelago appartengono amministrativamente alla capitale. Mentre all’estremità occidentale dell’isola si trova Sa Dragonera, un isolotto protetto dal vicino Porto d’Andratx.

Zone turistiche

Maiorca è geograficamente divisa in quattro regioni, ognuna con le proprie caratteristiche. Il nord-ovest è famoso per la Serra de Tramuntana, riconosciuto Patrimonio Mondiale dall’UNESCO. La Serra de Tramuntana comprende la vetta più alta di Maiorca, il Puig Major che raggiunge un’altitudine di 1.445 metri.

Su queste montagne non solo è possibile fare escursioni, ma è possibile anche praticare l’alpinismo, il nordic walking, l’arrampicata, il canyoning e qualsiasi altro sport d’avventura. Inoltre, si possono godere viste spettacolari sul mar Mediterraneo.

La regione settentrionale e il nord-est dell’isola sono zone molto belle, con città turistiche e spiagge straordinarie. Tra Port de Pollença e Cala Ratjada sul lato est, ci sono molte spiagge di sabbia, calette incantevoli e paesaggi onirici, dove è possibile rilassarsi, e godersi sole e mare.

In questa zona, i punti che sono particolarmente emblematici sono: Port de Pollença, Formentor, Cap Pinar, Platja d’Alcúdia, Platges de Muro, Platges de Can Picafort, le calette e le spiagge di Arta e Capdepera (Cala Ratjada).

Le regioni del sud-est, del sud e del sud-ovest dell’isola inglobano numerosi luoghi da non perdere: Cala Millor, Platges de Son Servera, Cales de Mallorca, Portocolom, Cala d’Or, Platges de Campos, Es Trenc e Ses Covetes, Platja de Palma, Platges de Palmanova Magaluf, Santa Ponça, Peguera, … e molti altri luoghi ancora, che culminano a Port d’Andratx e Cala de Sant Elm, a poche centinaia di metri da Sa Dragonera.

D’altra parte, la pianura conosciuta come Es Pla domina gran parte dell’interno dell’isola. La flora e la fauna sono famose per la loro ricchezza. Gli alberi come il pino, il leccio e il carrubo, sono molto tipici sull’isola e sono così diffusi che in alcune zone costiere della Tramuntana, come Estellencs, Banyalbufar, Port d’Es Canonge, Cala Deià, Llucalcari o Cala Tuent, le pinete raggiungono quasi il mare.

Economia

La posizione di Maiorca nel Mediterraneo occidentale è stata decisiva per la sua storia di sviluppo economico e culturale. Le principali forze trainanti dell’economia delle Isole Baleari, e soprattutto di Maiorca, sono il settore turistico, che spinge i settori industriali e agricoli in secondo piano. Alcune grandi aziende alberghiere di Maiorca sono tra le più importanti del mondo.

Le località dove si concentrano più turisti si trovano tra i comuni di Palma di Maiorca e di Calvià, a sud dell’isola, e tra la baia di Pollença e Cala Ratjada, a nord. Tuttavia, quasi tutta la fascia costiera dell’isola ha strutture importanti, dedicate al settore turistico e alberghiero.

Il principale mezzo di trasporto per arrivare a Maiorca è l’aereo. L’aeroporto di Palma di Maiorca è il terzo aeroporto con più traffico passeggeri della Spagna. È collegato quotidianamente con le principali città spagnole e quelle europee.

Maiorca, Spiagge e le migliori zone turistiche

Maiorca